05:34 , 19 Apr 2021
Archivio stampa Immagini Libri Video Collegamenti Mappa sito Meteo
Rubriche Il commento Salute e dintorni Informatica Storia Le ricette Pesce e pesca
Consiglio Comunale di Isola: chi vivrà vedrà!?

Martedì, 29 Luglio 2008 - 11:57 Stampa la notizia: Consiglio Comunale di Isola: chi vivrà vedrà!?

Non è durata nemmeno un’ora intera la prima seduta, costitutiva, del neoeletto Consiglio Comunale di Isola. Tutto sembra essere filato liscio come l’olio. Tutti soddisfatti? Francamente non lo crediamo: a parte quello minoritario italiano, ci sono mancate in questa occasione alcune dichiarazioni di buona volontà e di buoni auspici per il lavoro dei prossimi due anni. Un periodo troppo breve per impostare e realizzare progetti importanti. Ma allora? Che gatta ci covi?

I due partiti maggiori, che in tandem potrebbero governare da soli senza chiedere niente a nessuno, se ne sono stati zitti: il sindaco, a capo della maggioranza relativa e vincitore delle recenti elezioni, ebbe a dire che ci vuole un po’ di tempo per analizzare la situazione. I socialdemocratici, la maggiore forza non alleata e, per giunta, sconfitta alla consultazione elettorale, ha preferito il silenzio più assoluto – quasi imbarazzato (che sentano la mancanza del proprio ideologo – finora forza trainante del partito?) Oppure, seguendo i suggerimenti del sindaco, hanno veramente bisogno di tempo per capire e decidere il da farsi.

Noi, che giocoforza, non vogliamo essere né di qua, né di là, per il momento vorremmo esprimere qualche perplessità e qualche piccola preoccupazione: il primo intoppo è arrivato già oggi al momento di votare la commissione permanente per le nomine. Come mai è stato possibile che una delle composizioni politiche vincitrici di questa tornata elettorale (MEF e Lista Isolani) ne sia rimasta fuori, mentre altre, anche perdenti ne sono entrate a far parte? Ed essendo questa commissione una di quelle che si troverà in prima linea nell’armonizzare e nel proporre la composizione degli altri organismi di lavoro del Consiglio, non sarebbe stato logico che tutti vi avessero un proprio rappresentante? Perché allora, qualcuno addirittura due, altri nessuno? Ed ancora, perché è stato detto che la composizione è stata armonizzata ancora in mattinata, anche con l’escluso, per sentire la smentita dopo la votazione?

A nostro parere, non si tratta di problemi ideologici o di chi vuol più o meno bene alla nostra città ed ai suoi cittadini: temi con cui tutti si puliscono la bocca. Abbiamo il timore che, sotto sotto, gli interessi siano più concreti e – se volete – anche più personali.

Chi vivrà vedrà!

 

L’Osservatore Isolano


Violenza? Non ci sto!
di Andrea Šumenjak

Rieccoci dopo la breve pausa estiva, pronti a riprendere il nostro lavoro. Mentre ancora mi trovavo a Cherso, dove ormai dal 1980 la mia famiglia trascorre le vacanze estive, valutavo il taglio da dare al fondo di settembre. Purtroppo, le tristi vicende di quel lunedì nero all’Ospedale di Isola, mi hanno fatto prendere la decisione di soffermarmi sul problema della violenza.

Conosco tante persone che hanno problemi, anche molto seri, di salute. Conosco anche molti medici e so quanto pesante sia il loro lavoro. Conosco anche i problemi del sistema sanitario che, se dal punto di vista tecnologico è sempre più all’avanguardia, dal punto di vista sociale.... Continua


Consigliamo anche...
Il commento