00:47 , 13 Dic 2017
Archivio stampa Immagini Libri Video Collegamenti Mappa sito Meteo
Rubriche Il commento Salute e dintorni Informatica Storia Le ricette Pesce e pesca
Vedi tutti gli articoli di questo argomento.

I saraghi
Giovedì, 12 Novembre 2015 - 23:14

 I saraghi sono un genere di pesci appartenente alla famiglia Sparidae. Hanno generalmente  corpo tondeggiante, di colore grigio argenteo, ma il loro aspetto e la dimensione si differenziano a seconda delle specie. Se ne conoscono 13 specie e 11 sottospecie.  Si distinguono per la forma del capo, la taglia e il bandeggio sui fianchi, ma sono tutte accomunate da corpo compresso, denti taglienti e carni pregiate, per le quali vengono intensamente pescate. I saraghi vivono lungo le coste, a profondità non superiori ai 130 m. Si trovano nel Mediterraneo, su fondali di ogni tipo. Sono onnivori, cacciano in gruppo e a volte, nella stagione riproduttiva, manifestano comportamenti di tipo territoriale. Depongono le uova emettendole in acqua e abbandonandole al proprio destino. In generale questi pesci possono essere considerati animali onnivori. Si nutrono infatti sia di alghe che di crostacei, molluschi, vermi ed altri invertebrati.




Sarago pizzuto (Diplodus puntazzo) dalle nostre parti spisso, in sloveno pic. Presenta a 6-7 bande verticali sul corpo grigio argenteo, intervallate da altre meno evidenti. Gli esemplari di questa specie, che dal punto di vista alimentare è forse la meno  pregiata, tendono a muoversi solitari sui fondali e possono raggiungere dimensioni rilevanti (sino a 60 centimetri di lunghezza).



Sarago fasciato (Diplodus vulgaris)  noto come barajo (in sloveno fratrc)  la  bocca è leggermente protrattile e munita su ciascuna mascella di 8 incisivi nella parte anteriore, Dispone di un'unica pinna dorsale e anale, pinna codale forcuta. La sua colorazione grigio-argenteo, più chiara sul ventre, è caratterizzata da numerose e sottili righe gialle orizzontali e due larghe fasce nere verticali, una alla base della coda ed un'altra nuca. Può arrivare ad una lunghezza massima di 30 cm.



Sarago maggiore (Diplodus sargus sargus) dalle nostre parti denominato sarco o sargo, in sloveno šarg o frater   è grigio argenteo, con 8-10 bande verticali scure sul corpo e macchia nera sul peduncolo caudale. può raggiungere i 45 centimetri di lunghezza ed i 2 chilogrammi di peso



Sarago sparaglione (Diplodus annularis)  conosciuto come sparo, ( in sloveno spar). Raggiunge al massimo i 25 centimetri di lunghezza. Si presenta con una livrea dalle lievi sfumature giallognole, particolarmente accentuate sulle pinne pettorali. La testa termina con una bocca relativamente appuntita, piccola, poco protrattile e terminale.


I saraghi si catturano con tramagli, nasse ed abboccano molto facilmente nelle lenze. Si pescavano frequentemente e facilmente nel passato. Più pregiati gli esemplari di una certa taglia, meno richiesti i più piccoli per l’alto numero di lische. I saraghi sono pesci dalle carni saporite, molto digeribili, particolarmente adatte a essere cotte al forno e per rafforzare il sapore delle zuppe di pesce. Perdono rapidamente di fragranza, quindi per ottenere il massimo dalle carni è necessario che siano freschissimi. 

Il pesce ragno
Giovedì, 20 Marzo 2014 - 23:28

Il pesce ragno, o tracina, è conosciuto dalle nostre parti come ragno, mentre in sloveno è denominato morski zmaj (ranjo) o morski pajek. Il nome scientifico della tracina più diffusa nell’Adriatico settentrionale è Trachinus draco.

La rana pescatrice (rospo)
Martedì, 19 Novembre 2013 - 21:02

La rana pescatrice appartiene all’ordine dei Lofiformi, Il suo nome scientifico è Lophius piscatorius. Dalle nostre parti il pesce è noto come rospo, mentre nella lingua slovena è conosciuto come morska žaba o morska spaka.  

Lo spinarolo (l’asià)
Domenica, 27 Ottobre 2013 - 23:18

Lo spinarolo (Squalus acanthias) è un pesce della famiglia degli squalidi, molto simile al palombo, noto dalle nostre parti come asià, mentre in lingua slovena è detto trnež  

Il palombo
Domenica, 14 Luglio 2013 - 14:42

Il palombo, nome scientifico Mustelus mustelus, è un pesce dell’ordine degli squaliformi che dalle nostre parti è conosciuto come can, cagneto o cagnolin. In lingua slovena è denominato navadni morski pes e kanjolin. Fa parte, per le sue caratteristiche morfologiche e la richiesta in cucina, del cosiddetto pese mato.

 


Violenza? Non ci sto!
di Andrea Šumenjak

Rieccoci dopo la breve pausa estiva, pronti a riprendere il nostro lavoro. Mentre ancora mi trovavo a Cherso, dove ormai dal 1980 la mia famiglia trascorre le vacanze estive, valutavo il taglio da dare al fondo di settembre. Purtroppo, le tristi vicende di quel lunedì nero all’Ospedale di Isola, mi hanno fatto prendere la decisione di soffermarmi sul problema della violenza.

Conosco tante persone che hanno problemi, anche molto seri, di salute. Conosco anche molti medici e so quanto pesante sia il loro lavoro. Conosco anche i problemi del sistema sanitario che, se dal punto di vista tecnologico è sempre più all’avanguardia, dal punto di vista sociale.... Continua


Consigliamo anche...
Il commento